Io ADORO fare i regali, ma inizio a sentirmi scema, dopo 30 anni di regali, a comprare ancora, a pensare ancora “cosa gli servirà? cosa vorrà?”
Perchè il parente o l’amico in questione, almeno nella mia parte di mondo e nella mia parte di vita, ha già tutto.
E se gli regalo l’ennesimo buono ikea/maglione/x ho l’impressione di aver sprecato i miei soldi e l’unico felice sia il negoziante.

Allora quest’anno (lo so, ogni Natale ne ho una nuova…) ho scritto a tutti i miei usuali-ricevitori-di-regali e ho chiesto “ma se quest’anno invece di aggiungere roba nelle nostre case, ci facessimo un regalo a zero (euro)?”

Va bene riciclare qualcosa che già si ha (e qui entra la creatività di ognuno) o fare un regalo immateriale tipo una lunga lettera scritta a mano (e il tempo dedicato a scriverla) o mettersi a disposizione con la propria competenza (tipo: ti aggiusto il computer, ti insegno a ballare, ti cucio io le tende, ecc) e qualsiasi altra cosa venga in mente.

Va bene qualsiasi cosa che risulti un regalo ma che non implichi il dispendio di denaro.
È esattamente la differenza tra un bene e una merce, esattamente il divario che c’è tra il benessere e il PIL.

Che dici, ti interessa la sfida? Cosa regaleresti tu alle persone a cui tieni?